‘A furmìcula

‘N cera ‘na fiata na furmicula ca sta scupava ‘ntra terra, a nu certu puntu truau nu sordu.
Cu quiddhru se ccattau pasuli e na bella pignata.
Se mise a mmienzu l’aja cu cucina e cuminciara cu passane l’auri animali.
Passau lu musciu e nci tisse: “vue cu ti mariti?”
La furmicula si ‘mpaurau te lu “miao miao” e tisse none.
Passau lu cane e nci tisse: “vue cu ti mariti?”
La furmicula si ‘mpaurau te lu “bau bau” e tisse none.
Passau lu puercu e nci tisse: “vue cu ti mariti?”
La furmicula si ‘mpaurau te lu “scronf scronf” e tisse none.
Passau lu iaddhru e nci tisse: “vue cu ti mariti?”
La furmicula si ‘mpaurau te lu “coccodè coccodè” e tisse none.
Passau nu surgicchiu e nci tisse: “vue cu ti mariti?”
La furmicula nci tisse: “tu si all’altezza mia, scia spusamune”.
Scera alla chiesa e mentre stiane subbra l’altare, la furmicula si ricurdau te la pignata e tisse allu surgicchiu:
“ane, ba controlla, casomai li pasuli se brusciane”.
Lu surge sciu, ma se sporse troppu e catiu ‘ntra la pignata bollente.
La furmicula spittava, spittava, spittava e lu surge nu turnava mai…
Sciu cu ba controlla e bidde lu sposu sua cucinatu. Chianse e chianse tutta la notte.
A nu certu puntu lu musciu, passannu de ddhrai e bitennu la scena, ‘nci tisse:
“ci vuei te consolu iou, ma m’ha dare nu stuezzu te maritu tua”.
La furmicula ‘nci rispuse: “sula me lu chiangu e sula me lu mangiu”.

C’era una volta una formica che stava scavando per terra quando ad un certo punto trovò un soldo.
Con quello andò a comprare una bella pignata.
Si mise su uno spiazzo per cucinare, quando iniziarono a passare gli altri animali.
Passò il gatto e disse: “vuoi sposarti con me?”.
La formica si spaventò del suo “miao miao” e disse di no.
Passò il cane e disse: “vuoi sposarti con me?”.
La formica si spaventò del suo “bau bau” e disse di no.
Passò il maiale e disse: “vuoi sposarti con me?”.
La formica si spaventò del suo “scronf scronf” e disse di no.
Passò il gallo e disse: “vuoi sposarti con me?”.
La formica si spaventò del suo “coccodè coccodè” e disse di no.
Passò un topolino e disse: “vuoi sposarti con me?”.
La formica gli rispose: “tu sei alla mia altezza, andiamo a sposarci”.
Andarono in chiesa e mentre stavano sopra l’altare, la formica si ricordò della pignata sul fuoco e disse al topolino:
“vai a controllare, casomai i fagioli si bruciano”.
Il topolino andò, ma si sporse troppo e cadde dentro la pentola bollente.
La formica aspettava, aspettava, ma il topolino non tornava mai…
Andò a controllare e vide il suo sposo cucinato. Pianse e pianse per tutta la notte.
Ad un certo punto il gatto, passando di lì e vedendo la scena, disse:
“Se vuoi ti posso consolare, ma mi devi dare un pezzo di tuo marito”.
La formica gli rispose: “sola me lo piango e sola me lo mangio”.