Li pesci

‘N cera ‘na fiata na cristiana ca ulia cu cucina nu picca ti pesce. Tisse a fijusa:
“ane a mare e ba pesca nu picca te pesce”.
Lu fiju se pijau la canna, la retina e li jermi e sciu a mmienzu li scogli.
A nu certu puntu piscau nu pesce, ma appena quistu issiu de intra l’acqua ‘nci tisse:
“lassame ‘nauru picca, ca mo so piccinnu, passa intra qualche giurnu e so buenu”.
Lu piccinnu rispuse: “timme comu te chiami, cussì fazzu menu fatica cu te throu”,
e lu pesce rispuse: “me chiamu Sensu”.
Lu vagnone si mise a piscare ancora.
Lu secondu pesce ‘nci tisse la stessa cosa. Si chiamava “Giudiziu”.
Lu terzu puru. Si chiamava “Sale”.
Turnau a casa e la mamma lu pijau pi fessa. Lu piccinnu tisse: “m’ane prumisu ca la prossima fiata se facune pijare, sacciu li numi!”.
La mamma ‘nci rispuse: “torna tra qualche giurnu e biti ce ti rispunnune…”.
Lu vagnone turnau an capu a na simana e ritau: “Sensuuuu”.
Lu pesce ‘nci rispuse: “Ci Sensu jeri purtatu, a mare nu m’eri minatu!”.
Ritau ancora: “Giudiziuuuu”.
Lu secondu pesce ‘nci rispuse: “Ci Giudiziu jeri purtatu, a mare nu m’eri minatu!”.
Sconcertatu, ritau allu terzu pesce: “Saleeeeee”.
Lu terzu pesce ‘nci rispuse: “Ci Sale jeri purtatu, a st’ura stia cucinatu!”.
A casa tuccara se ccuntentane cu frise e pummitori…

C’era una volta una donna che voleva cucinare un po’ di pesce. Disse a suo figlio:
“vai a mare e pesca un po’ di pesce”.
Il figlio prese la canna, la retina e i vermi e andò sugli scogli.
Ad un certo punto prese un pesce, ma appena questi uscì dall’acqua gli disse:
“lasciami un altro po’, perché sono piccolino, passa tra qualche giorno e sarò cresciuto”.
Il ragazzo rispose: “dimmi come ti chiami, così farò meno fatica a trovarti”.
Il pesce rispose: “mi chiamo Senso”.
Il ragazzo si rimise a pescare.
Il secondo pesce gli disse la stessa cosa. Si chiamava “Giudizio”.
E così il terzo pesce. Si chiamava “Sale”.
Tornato a casa, la mamma lo prese in giro. Il ragazzo rispose: “mi hanno promesso che la prossima volta si faranno prendere, so come si chiamano!”.
La mamma gli rispose: “torna tra qualche giorno e vedi che ti dicono…”.
Il ragazzo tornò dopo una settimana e gridò: “Sensooooo”.
Il pesce gli rispose: “se Senso avessi avuto, a mare non mi avresti ributtato!”.
Gridò ancora: “Giudizioooooo”.
Il secondo pesce gli rispose: “Se Giudizio avessi avuto, a mare non mi avresti ributtato”.
Sconcertato, gridò al terzo pesce: “Saleeeeee”.
Il terzo pesce gli rispose: “Se sale avessi avuto, a quest’ora sarei cucinato…”.
A casa furono costretti a mangiare frise e pomodori…