L’oru e li pòppiti

C’era una volta un ragazzo che tutti prendevano per pazzo, perché ovunque andava raccontava bugie.

Un giorno si recò presso un frantoio dove si macinavano le olive.
Entrato dentro vide tantissimo oro, e un cavallo e un asino che trainavano le macine.
Il ragazzo restò ad occhi aperti ed era così contento che tornò in paese e raccontò ai suoi amici tutto quello che aveva visto.
Gli amici non gli credettero perché il ragazzo diceva così tante bugie che ormai non le contavano più.
Ad un certo punto videro alcune ragazze che ballavano con i veli.
Le ragazze fecero loro segno di seguirle; i ragazzi le seguirono e arrivarono al frantoio, dove, da fuori, sembrava che quello che l’amico bugiardo aveva detto fosse vero.
Una volta arrivati, i ragazzi entrarono dentro per prendere l’oro, ma lì non c’era traccia d’oro, al contrario c’era un vecchio asino che girava la macina e produceva olio, e tutto intorno sembrava abbandonato e pieno di ragnatele.
Quando si girarono per guardarsi un po’ intorno, viddero su una pietra una scritta: “poppiti (termine dispregiativo per indicare i villani) che non siete altro, avete l’oro e non lo riconoscete”.
L’oro a cui si riferiva la scritta era l’olio.

‘N cera ‘na fiata nu carusu ca tutti pijavane pi pacciu, piccè ddunca scia scia dicia buscie.
Nu giurnu sciu ‘ntra ‘na rutta a ddunca macinavane le ulie.
Trasutu intra vidde tuttu oru e le macine le giravane o nu ciucciu o nu cavaddhru.
Lu carusu rimaniu cu l’occhi spalancati e tantu pi lu presciu sciu ntra lu paese e cuntau alli cumpagni sua tuttu quiddhru ca era istu.
Li cumpagni no critiane perce era nu carusu ca dicia buscie e no se ne cuntavane cchiui.
A nu certu puntu viddera certe vagnone ca ballavanu cu lli veli.
Quiste li faciane segnu cu le secutane; li carusi le secutara e rriara a na rutta ca te fore paria quiddhra ca era dittu lu compagnu loru.
‘Nnà fiata rriati li carusi trasiane intra la rutta cu se piane l’oru, ma a ddhrai no n’cera l’oru na n’cera nu ciucciu ecchiu ca spingia le macine e quiddhre produciane ueju e tuttu era bbandunatu e chinu te ragnatile.
Quannu se ggiravane cu se uardane nu picca an giru, iddera su na chianca na scritta: “poppiti ca nu siti auru, tiniti l’oru e no lu canusciti”.
L’oru ca ‘ncera scrittu su la chianca era l’ueju.